GIORGIO TENTOLINI

BIOGRAFY


GIORGIO TENTOLINI
Casalmaggiore (CR), 1978
Dalla studiata sovrapposizione degli intagli eseguiti da Tentolini, con una meticolosa perizia tecnica, su strati di un materiale dalla consistenza impalpabile come il tulle, oppure sulla carta, sulle reti metalliche e in pvc, emergono sagome rarefatte di visioni, suggestioni di paesaggio, scorci urbani, colti dallo scatto fotografico dell’artista, sottratti dallo schiamazzo comunicativo della societˆ contemporanea e dall’incessante scorrere del tempo. Dalla stratificazione delle profonditˆ, attraversate dalla luce, riemergono a ritroso, come dagli abissi del tempo, i vari livelli di chiaroscuro che plasmano la fisionomia dei volti, la volumetria delle architetture, l’anatomia dei corpi umani maschili e femminili, oppure busti dell’antica statuaria classica. Queste sagome dalla consistenza labile e immateriale sono ammantate da un’atmosfera di temporalità immanente che fa riaffiorare, attraverso una stratificazione di ricordi, la memoria profonda, non quella superficiale dell’impressione di partenza, per poi eternare e cristallizzare quella astratta e fuggevole. Le immagini intangibili dell’artista esistono unicamente in una consistenza di luce resa possibile solo perdendosi in un’osservazione che non segue la logica razionale dei parametri cognitivi con cui percepiamo la realtˆ, suscitando dubbi e interrogativi sulla vera consistenzadell’essere umano, sull’impossibilitˆ di cogliere completamente l’essenza del reale. Spetta a noi scegliere se perderci a seguire la complessa articolazione dei piani spaziali, ripercorrendo il processo costruttivo dell’immagine o se cercare di ricostruire razionalmente la sua unitˆ per coglierne il soggetto. Vincitore del Premio Nocivelli 2012 e del Premio Rigamonti nell’ambito del Premio Arti Visive indetto dalla Fondazione San Fedele di Milano, Tentolini ha esposto a Londra, Berlino, Amsterdam, nel Principato di Monaco, presso il Palazzo Reale di Milano, il MAR. Museo d’Arte della cittˆ di Ravenna, il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino. L’artista ha inoltre partecipato ad importanti rassegne internazionali di arte contemporanea come Artefiera Bologna, Art Athina e Art Vilnius. Dal 2014 una sua opera appartiene alla collezione permanente del MAR di Ravenna.

Le immagini di Tentolini sono percezioni dell'interiorità, del sentimento, non rappresentazioni di tratti fisici che identifichino le persone: sono visioni rarefatte da cui affiora, grazie alla sovrapposizione di strati di tulle, reti in pvc, plasmato dalle ombre e dai riflessi creati dalla luce che li colpisce sul retro, il volto dell'anima; le profondità dello spirito vengono estratte da vari substrati in cui i tratti individuali si perdono nei vari livelli di trasparenza del tulle e dell'acetato, nelle statificazioni della carta che appaiono come “una tettonica degli elementi coscienti ed inconsci, di memoria e desideri, di paure e felicità che appartengono, appunto, 'stratificati', ad ognuno degli uomini”, come sostiene Giorgio Bonomi.
Ciò che emerge, in questa neutralizzazione del dato intimo ed emozionale, ammantata di un'atmosfera di temporalità immanente è la memoria profonda, non quella superficiale dell'impressione fotografica di partenza, che si propone di eternare e cristallizzare quella astratta e fuggevole. Questa si compone di stratificazioni di ricordi, emozioni che l'artista rappresenta metaforicamente sovrapponendo stampe fotografiche su acetato come fossero istanti bloccati del passato, una successione di attimi distinti, di esperienze, ognuna raffigurata dal volto di una persona che popola il quotidiano dell'artista, ognuno simile nelle caratteristiche somatiche (i Genomi); il risultato che si ottiene guardando frontalmente questa installazione è la percezione de volto dell'artista, un'identità, una personalità formata da una composizione di tratti somatici, forgiata dal ricordo di diverse esperienze esistenziali.
Il tema della memoria si intreccia con quello dell'identità, anche quella storica della civiltà occidentale che Tentolini sonda disegnando a grafite l'albero della vita di Adamo ed Eva inciso da Dürer sulla superficie irregolare di un rotolo di carta, dove, come gli anelli di un tronco, il sovrapporsi degli strati crea un substrato che simboleggia lo scorrere inesorabile degli anni. Tentolini cerca di sottrarre brevi istanti inafferrabili (Kairos) a questo scorrere regolare, cadenzato del tempo materiale (Kronos), così come intaglia nelle reti le sue figure, sottrae i suoi paesaggi notturni da un fitto strato di sovrapposizioni di frasi tratte da canzoni jazz (Round midnight). Le immagini intangibili di Tentolini esistono unicamente in una consistenza di luce resa possibile solo distaccandosi dalla coscienza, perdendosi in un'osservazione che non segue la logica razionale dei parametri cognitivi con cui percepiamo la realtà, suscitando dubbi e interrogativi sulla vera consistenza dell'essere umano, sulla realtà e sulla impossibilità di coglierne completamente l'essenza. La sua arte ci costringe ad una continua interrogazione sui paradigmi con i quali interpretiamo la realtà. Il profilo umano che affiora grazie all'espediente ottico di creare il volume con il gioco della stratificazione degli strati di carta intagliati (significante), ci porta a riconoscere le caratteristche dell'umano e quindi rappresenta la traduzione di un contenuto (significato), l'essere umano, non è un semplice virtusismo. Siamo noi a scegliere se perderci nel seguire la complessa articolazione dei piani spaziali, ricostruendo il processo costruttivo dell'immagine, o se percepire la figura, il soggetto, restituendole la sua unità....in questa continua alternanza percettiva e di significato viene ricomposta in un'unione ideale tra l'etereo e il concreto della materia.

Dall'8 al 10 ottobre 2014, l'artista partecipa alla collettiva I HAVE A DREAM, a cura di Melissa Proietti e Raffaella A. Caruso, ospitata nelle sale di Palazzo Reale a Milano, che segna la tappa milanese della mostra Freedom Fighters. I Kennedy e la battaglia per i diritti civili, realizzata in occasione del 50° anniversario della consegna del Premio Nobel a Martin Luther King Jr. La collettiva si concluderà con un'asta benefica delle opere donate dagli artisti che hanno aderito all'iniziativa e che sarà battuta ad ottobre da Artcurial, a sostegno delle attività del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights, come l'educazione ai diritti umani nelle scuole italiane, la formazione di attivisti provenienti da tutto il mondo e l'organizzazione di eventi e mostre finalizzati a diffondere i principi dell'uguaglianza e della giustizia sociale, sostenuti da John F. Kennedy e Robert F. Kennedy. Gli artisti hanno realizzato opere che rielaborano il tema dell'affermazione dei diritti umani, della giustizia e del raggiungimento dell'uguaglianza sociale mediante il linguaggio universale dell'arte.
Dal 20 settembre al 9 novembre dello stesso anno Tentolini fa parte dell'accurata selezione di artisti partecipanti all collettiva Eccentrico Musivo. Young Artists and Mosaic, a cura di Daniele Torcellini e Linda Kniffitz, presso il MAR. Museo d'Arte della Città di Ravenna; una mostra che si propone di sondare il richiamo alle forme musive nell'arte contemporanea.
Dopo avere partecipato alla mostra I HAVE A DREAM nelle sale del Palazzo Reale di Milano, il 16 luglio 2015, Giorgio Tentolini ha esposto una sua opera in occasione dell'esclusivo evento I Defend Gala 2015, una nuova serata organizzata a sostegno delle attività del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe che promuove progetti di educazione ai diritti umani. L'iniziativa è stata ospitata da Lia Riva nel Monaco Boat Service di Monte Carlo, nel suo prestigioso Tunnel Riva, scavato nella roccia viva sotto il famoso Palazzo Grimaldi, un luogo ricco di una storia che dagli anni '50 ad oggi unisce il celebre cantiere navale italiano al Principato di Monaco. A presiedere la serata è stata Kerry Kennedy, figlia di Robert Kennedy, attivista, scrittrice e presidente della Robert F. Kennedy Human Rights e, a supportare con la sua presenza I Defend Gala, eccezionalmente Sua Altezza Serenissima il Principe Alberto II di Monaco.

Nel corso della serata, che vede coinvolte numerose importanti personalità dello star-sytem e grandi esponenti della cultura a livello internazionale, si è svolta un'asta fundrising delle opere in esposizione, il cui ricavato verrà devoluto a favore delle attività del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe, come l'educazione ai diritti umani nelle scuole italiane, la formazione di attivisti provenienti da tutto il mondo e l'organizzazione di eventi e mostre finalizzati a diffondere i principi dell'uguaglianza e della giustizia sociale, sostenuti da John F. Kennedy e Robert F. Kennedy.


Principali esposizioni:
Shakespeare. La sostanza dell'uomo, Colossi Arte Contemporanea, Brescia, settembre – novembre 2016
LAND I Emilia, a cura di Francesca Baboni e Stefano Taddei, organizzata da Tiziana Severi Arte Contemporanea, con la collaborazione di Giorgia Beltrami - C9 | arte a corte a settembre, L’Ospitale di Rubiera (RE), settembre 2016
I materiali della pittura, acura di Davide Sarchioni, Associazione Culturale “Il Frantoio”, Capalbio (Gr), luglio – settembre 2016
In principio è la terra, a cura di Matteo Galbiati e Kevin McManus, Forte di Gavi (Al), maggio 2016
Rielaborazione e realizzazione della pergamena per il conferimento all’ing. Giampaola Dallara del titolo onorifico di “Professore ad Honorem dell’Università di Parma in Ingegneria Industriale e dell’Informazione”, maggio 2016
EX TEMPORE, Galleria Tiziana Severi Arte Contemporanea, Rubiera (RE), a cura di Matteo Galbiati, mostra realizzata nell’ambito del Premio Arteam Cup 2015 – maggio 2016
Alcyonacea, a cura di Stefani Cognata - Work in progress Coworking Bologna, Art City White Night, Bologna, gennaio 2016

Hit Parade, a cura di Paratissima Torino, Mauto. Museo Nazionale dell'Automobile, Torino, dicembre 2016
Luce. Scienza cinema arte, Palazzo del Governatore, Parma, novembre 2014 - gennaio 2015
Mostra personale in occasione della presentazione della Spring Summer Collection 2015 - Hosio, Palazzo Ricasoli, Firenze, giugno 2014
Fragments, nel contesto di Paratissima11 - Ordine o Caos?, a cura di Azra Bijedic e Stefania Spinazzola - Torino Esposizioni, Torino, novmebre 2015 - Vincitore primo premio assoluto, migliore opera esposta
Arteam Cup, a cura di Luca Bochicchio, Antonio D’Amico, Matteo Galbiati, Anna Lisa Ghirardi e Livia Savorelli, Officina delle Zattere, Fondamenta Nani, Dorsoduro 947, Venezia, novembre 2015 - Premio Speciale Tiziana Severi Arte Contemporanea - vincitore

I defend Gala 2015, a cura di Melissa Proietti e Raffaella A. Caruso, mostra organizzata a supporto delle iniziative del Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Right Europe,Tunnel Riva, Port Ercule, Principato di Monaco, luglio 2015
Prospettive diverse, a cura di Marco Goi, Palazzo Ducale, Sabbioneta (Mantova), maggio 2015
Oltre la vita, a cura di Angelo Zanella, Palazzo della Fondazione L'Arsenale, Iseo (Brescia), aprile 2015

I have a dream, a cura di Melissa Proietti e Raffaella A. Caruso, Palazzo Reale, Milano, mostra organizzata a supporto delle iniziative del R.F. Kennedy Center for Justice and Human Right, Europe, ottobre 2014
Eccentrico Musivo. Young Artists and Mosaic, a cura di Linda Kiniffitz e Daniele Torcellini, MAR. Museo d'Arte della Città di Ravenna
HOSIO, Galleria Alessandro Bagnai, Firenze, a cura di De Primera, mostra avvenuta durante la presentazione della collezione P/E15 del brand Hosio, giugno 2014

Museo Civico San Sepolcro, Installazione Studio su Maria e sull'angelo, 2014 nel ambito del progetto Incontri al museo. Dialoghi al presente con l'arte contemporanea a cura di Ilaria Margutti
AstroLAB. A playful interpretation of themes astronomical, 10 – 13 aprile 2014, mostra collettiva a cura Paul Malone e Nicola Rae, APT Gallery Deptford, London
Figura Acqua. La forma dell'acqua, 31 gennaio – 21 febbraio 2104, a cura di Pino Diecidue, Alessia Locatelli e Maria Rosa Pividori, Spazio Ex-Fornace, Milano
ArteFiera Bologna 2014, 24 - 27 gennaio 2014, Galleria Colossi Arte Contemporanea
Premio Nocivelli. IV Edizione 2012, a cura di Ilaria Bignotti e Matteo Galbiati, Parco Nocivelli, Verolanuova (BS) - vinvitore I Premio Scultura e Primo Premio Assoluto
Giorgio Tentolini. Incorporeo, 3 – 26 luglio 2013, a cura di Maria Rosa Pividori, catalogo edito in occasione del Concorso d'Arte Contemporanea PREMIO NOCIVELLI, Galleria 10.2!, Milano
Alle soglie dell'apocalisse, febbraio 2013, a cura di Ilaria Bignotti, Matteo Galbiati, Daniele Astrologo e Andrea Dall'Asta Sj., Galleria San Fedele, Milano
Delle Dissonanze – Collezione Antonio Stellatelli, dicembre 2012, a cura di Nico Sandri, Palazzo della Ragione, Verona
...il naufragar m'è dolce in quest'arte. Formedolci, 15 – 29 novembre 2012, progetto e organizzazione a cura di Antonella e Daniele Colossi, Sala Alabardieri, Palazzo Comunale, Cremona
Premio Nocivelli, a cura di Ilaria Bignotti, Matteo Galbiati ed Elisabetta Modena, Parco Nocivelli, Verolanuova (BS) – Vincitore I° Premio Sezione Scultura, categoria over 25 - Primo Premio Assoluto
“E quindi uscimmo a riveder le stelle” Il viaggio - Premio Arti Visive San Fedele 2011/12, 23 maggio - 7 luglio 2012, a cura di Andrea Dall'Asta S.I., Daniele Astrologo, Ilaria Bignotti, Chiara Canali, Matteo Galbiati, Chiara Gatti, Massimo Marchetti, Kevin McManus, Michele Tavola, Galleria San Fedele, Milano – Primo Classificato Premio Rigamonti
Pilot(t)ami!, a cura di Gabriella Gallo e Jennifer Malvezzi, promossa dal Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo dell'Università di Parma, Ala dei Contrafforti, palazzo della Pilotta, Parma
Compendia, novembre 2010, a cura di Zulfqar Ali, Gift Gallery, Londra
Erased Wall, ottobre 2010, Berlin ConcentArt e.V., Berlino
DeriveLab: Project 2, liuglio 2010, a cura di Nicola Rae, The Centre for Creative Collaboration (C4CC), Londra
PROMENADE PROJECT. Travelling Exhibition Project, a cura di Lorand Hegyi, Galleria delle Colonne, Parma
States of flux, giugno 2009, a cura di Andriana Gonzales, S&G Arte Contemporanea, Berlino
Viewpoint, ottobre 2008, a cura di Adriana Gonzales, S&G Arte Contemporanea, Berlino
The XIII Edition of the Biennal of young artists from Europe and the Mediterranean, maggio 2008, a cura di BJCEM, Fiera del Levante
Perpetuum Mobile, maggio 2008, a cura di Paul Malone e Nicola Rae, APT Gallery, Londra
Primavera 2007, aprile 2007, a cura di Els van der Graaf e Rody Luton, Punt WG Gallery, Amsterdam
Primavera 2006, giugno 2006, a cura di Paul Malone, Tara Bryan Gallery, Londra
Biennale Internazionale di Ferrara, dicembre 2004, Sale dell'Imbarcadero, Castello Estense, Ferrara
Menzione speciale per la selezione The XII Edition of the Biennal of young artists from Europe and the Mediterranean, novembre 2005, a cura di Vanja Strukelj
Festival della Patafisica, ottobre 2003, a cura di Luigi Ronda, Castelponzone (CR)


Elementi per una teoria della jeune-fille - 10 reti in metallo intagliate a mano 80*80
WORKS & PROJECTS